Attualità

Sono gli stessi che hanno iniziato. Ma con qualcosa in più. Con una nuova “consapevolezza”, chiarisce Sebastiano Pira, Director of Food & Beverage dell’Hotel Sheraton Diana Majestic di Milano, che insieme a Claudio Di Bernardo, Chef e F&B Manager del Grand Hotel di Rimini, ha guidato in un percorso didattico e operativo a 360 gradi i protagonisti della prima edizione del corso di 1°livello f&b management dell’AIFBM Academy. È questa la parola chiave di un cammino che ha raccolto, tra Milano, Bologna e Roma, operatori del settore ristorativo dai profili più diversi, accumunati, però, da un tratto: quello di essere tutti potenziali f&b manager.

 

Consapevolezza e responsabilità

«Sono davvero contento dei risultati ottenuti – racconta Sebastiano Pira a margine dell’ultima giornata di corso. – Merito soprattutto di questi ragazzi che hanno saputo portare le loro aspettative, facendo tesoro, ognuno secondo la sua specifica visione di ciò che vorrà fare, delle numerose sfaccettature che compongono il variegato mondo dell’f&b management».

Responsabilità e consapevolezza sono stati i due aspetti su cui il corso di primo livello ha lavorato di più. I partecipanti – assistant f&b manager, chef, capi partita, maitre di sala, camerieri semplici, proprietari di ristoranti e imprenditori, bar manager – hanno potuto capire dall’interno cosa vuol dire fare al meglio questo lavoro, comprendendo in maniera trasparente i compiti, le conoscenze e l’attitudine necessarie per ricoprire il sempre più ricercato ruolo di f&b manager. «Questi corsi sono stati l’opportunità, che ritengo davvero preziosa, di dare delle basi a dei collaboratori che hanno un ruolo, dei compiti e delle competenze, e che spesso svolgono attività infrangendosi contro dei muri – spiega Claudio Di Bernardo. – Ho cercato di dare loro la possibilità di vedere oltre quei muri e capire chi è e cosa fa questo (troppo spesso) sconosciuto che chiamiamo f&b manager».

 

Il corso

Iniziati lo scorso 27 febbraio, i corsi di primo livello hanno fornito le basi necessarie per diventare f&b manager di alto livello. Cinque incontri a cadenza settimanale per un totale di 30 ore di formazione in aula, a diretto contatto con due professionisti che, quotidianamente, ricoprono oneri e funzioni di una figura ancora relativamente nuova in Italia, ma ormai sempre più diffusa e cruciale nella gestione del mondo professionale della ristorazione.

«Grazie a questo corso abbiamo potuto mettere a fuoco tutto il ventaglio delle competenze che fanno capo a un f&b, aggiungendo tasselli preziosi e scoprendo da vicino quali sono i retroscena tra i quali questo professionista deve sapersi muovere con disinvoltura», raccontano alcuni partecipanti. «Sono convinto che siamo riusciti a dare quel margine in più al grande potenziale di questi ragazzi. Strumenti che spero possano essere preziosi per il loro percorso di crescita individuale e per il loro futuro. Dopotutto – conclude Sebastiano Pira – chi non si forma, si ferma».

I corsi di primo livello verranno riproposti in futuro. Chi vorrà potrà, invece, proseguire la formazione con un corso di secondo livello.