Attualità

Milano, 27 novembre 2017AIFBM – Associazione Italiana Food & Beverage Manager e Cibus – Salone Internazionale dell’Alimentazione hanno firmato una nuova e preziosa partnership finalizzata alla valorizzazione del patrimonio del food & beverage italiano.

 

Presentata lo scorso 21 novembre all’hotel NH Laguna Palace di Venezia Mestre nell’ambito del Hospitality Meeting AIFBM 2017, l’annuale meeting nazionale dei Food&Beverage Manager giunto alla sua 6° edizione, l’iniziativa è finalizzata al dialogo tra le oltre 3000 aziende espositrici di Cibus e gli attori della ristorazione fuori casa, segmento a cui è destinato ormai oltre un terzo del totale dei consumi alimentari delle famiglie. AIFBM, riunisce professioniti f&b in ambito Hotel/Resort, Settore Travel, croceristica e Parchi Tematici per un giro di affari di 3,5 miliardi di acquisti F&B all’anno.

 

Durante l’incontro “Logiche di Sourcing e Provisioning per il mondo dell’Hospitality”, cui hanno partecipato diverse aziende del comparto alimentare espositrici a Cibus, sono intervenuti protagonisti del settore Hospitality come Sergio Mangialardi, Purchasing Manager MSC F&B Division Spa, Paolo Solari, Corporate F&B Manager ATA Hotels S.p.A, Sebastiano Pira, Director F&B Sheraton Diana Majestic, Marcello Forti, Founder e AD F&De Group e Nicola di Munno, General Manager Masseria Fortificata San Francesco di Matera.

 

«Dobbiamo continuare a porci domande sulle logiche, le strategie, le best practice del futuro – ha sottolineato Roberto Santarelli, socio fondatore di AIFBM. – Per farlo abbiamo bisogno di partnership strutturate. Se guardiamo all’estero, il confronto è con realtà che hanno più di 50 anni di storia. È tempo che anche l’Italia, culla dell’eccellenza alimentare, mostri i suoi cavalli di battaglia». I tempi sono maturi come testimoniano i numeri di un settore in continua crescita che in Italia è arrivato a valere più di 76 miliardi di euro.