Attualità

Contesto privilegiato

La volontà di prevedere una parte del concorso dedicata in modo specifico alle persone è il segno di quanto ALMA consideri importante valorizzare coloro i quali, spesso lontani dalle luci della ribalta, si impegnano con passione, competenza e professionalità nel far conoscere e apprezzare il formaggio. È parso quindi giusto offrire a chi quotidianamente opera in questo mondo non solo la giusta e meritata visibilità ma anche un’occasione di formazione e di confronto con altri colleghi. ALMA CASEUS rappresenta così il contesto privilegiato in cui emergono, oltre ai prodotti, gli esperti che li realizzano, li selezionano, li affinano, li comunicano e li propongono al consumatore.

 

 

Contribuendo con le loro eccellenze casearie, a questa edizione di CASEUS hanno preso parte dal Piemonte “La Basilica di San Formaggio” di Guido Sopetti, selezionatore di formaggi italiani ed europei nel negozio con più di 300 tipologie di qualità; per la Toscana – precisamente da Lucca – ha gareggiato l’azienda Casearia di Romina Marovelli, una realtà casearia giunta alla sua terza generazione; per l’Emilia Romagna, invece, due sono stati i contendenti, il primo la “Boutique del Formaggio e del Salume” di Giovanni Gazzetti, il secondo l’Albergo Ristorante del Lago rappresentato da Alessandro Monti, entrambi dalla provincia di Reggio Emilia. Da studenti di ALMA a cultori del formaggio, hanno gareggiato in questa veste Paolo Frigo e Marta Palombo, allievi del 37° Corso Superiore di Cucina Italiana. Infine dalla provincia di Verona, a far conoscere le eccellenze della Lessinia ci ha pensato Fabio Fasoli, stagionatore e affinatore di formaggi di lunga data.

Direttore della gara e garante della regolarità della stessa è Renato Brancaleoni, maestro artigiano affinatore di grande fama, titolare assieme alla figlia Anna de “La Fossa dell’Abbondanza” a Roncofreddo (FC) nonché docente presso ALMA, il quale nella gestione della competizione si avvale del supporto di Davide Mondin, anch’egli docente presso ALMA.

 

 

Giunto ormai quest’anno alla sesta edizione, ALMA CASEUS ha quindi “incoronato” centinaia di formaggi (riconoscibili per il bollino che recano sulla confezione) e ha visto gareggiare numerose decine di professionisti provenienti da tutt’Italia. L’auspicio degli organizzatori, pertanto, è a questo punto riunire e mettere a confronto in occasione della prossima edizione nel 2018 le squadre fino ad oggi proclamate vincitrici, così da poter celebrare un vero e proprio “festival” alcuni tra i migliori operatori del mondo caseario italiano.