AttualitàQuando lo chef dà i numeri

Parto da una premessa che esprime il mio personale pensiero rivolto sia a coloro che si accingono a entrare nel mondo del lavoro sia a chi vi opera già in maniera costante. “Non possiamo parlare di crescita continua, soprattutto nel campo della ristorazione, se non poniamo al centro del nostro percorso professionale la formazione, strada indispensabile da seguire per il proprio sviluppo individuale, professionale e imprenditoriale.”

 

“Insegnare a pescare”

In un mercato del lavoro come quello odierno, che richiede sempre più competenze altamente professionali, unite a capacità e attitudini specifiche, la formazione assume un ruolo cruciale. L’affinamento delle capacità imprenditoriali e manageriali nonché lo sviluppo e la qualificazione delle professionalità sono esigenze molto sentite dagli operatori economici che aspirano al mantenimento e al miglioramento della propria competitività sul mercato locale, nazionale o internazionale.

La realizzazione di corsi, seminari, convegni e servizi ad hoc – finalizzati alla formazione, all’aggiornamento e al perfezionamento di piccoli e medi imprenditori, del loro personale e degli operatori di settore – risponde proprio a tale esigenza.

Come recita un noto aforisma, che mi ha sempre stimolato, “se dai un pesce a un uomo, lo hai sfamato per un giorno, se gli insegni a pescare, lo hai sfamato per tutta la vita”.

 

Un investimento strategico

L’acquisizione di nuove competenze da parte delle risorse umane – il capitale umano dell’impresa – è oggi un vantaggio decisivo per rimanere competitivi sul mercato, aumentare il livello di soddisfazione del cliente e affrontare le nuove sfide del futuro. La formazione del personale aumenta il valore dell’impresa, migliora l’immagine aziendale e accresce la motivazione individuale. In un periodo dove l’originalità e l’innovazione dei prodotti hanno durata breve e la tecnologia invecchia rapidamente, qualità e professionalità sono cruciali per permettere all’impresa di differenziarsi e al singolo di arricchirsi attraverso competenze professionali decisive ai fini della propria carriera e della realizzazione personale.

 

F&B management

Affinché la formazione sia davvero uno strumento strategico, è necessaria una didattica mirata a fornire conoscenze e competenze specifiche nell’area del F&B management, che metta in risalto la possibilità di poter gestire il dipartimento F&B secondo semplici ma basilari principi di economicità, di qualità e di attenzione al cliente, con analisi approfondite della gestione manageriale di uno dei settori strategici del business turistico-alberghiero: la divisione food and beverage. Un corso di avvicinamento alla professione di F&B Manager, di elevata spendibilità tanto nella formazione quanto nella pratica operativa aziendale. Un viaggio attraverso le varie fasi del management ristorativo: pianificazione, organizzazione e coordinamento delle risorse, monitoraggio delle attività operative, fino alla valutazione dei risultati finanziari conseguiti. Con l’obiettivo di familiarizzare con gli strumenti manageriali di pianificazione e controllo, attraverso esempi concreti.

 

A chi sono rivolti

Senza limiti, pregiudizi o discriminazioni, il corso si rivolge agli studenti del biennio post-qualifica a indirizzo ristorativo, agli operatori del settore quali chef di cucina, responsabili di sala, sommelier e capo barman, agli allievi dei corsi di qualifica post- diploma e dei corsi brevi di formazione professionale; ma anche agli operatori delle piccole e medie imprese alberghiere e ai responsabili della formazione professionale in strutture ristorative.

 

Un processo di crescita continua

Formarsi significa apprendere concetti, metodologie, strumenti e soprattutto abilità nel fare, essere proattivi, stimolare cambiamenti per ottenere un comportamento in sintonia con i propri valori e con il sistema di cui facciamo parte. Per questo la formazione ha come obiettivo quello di trasmettere e adattare le nostre competenze alle richieste di qualsiasi organizzazione produttiva.

Apprendere e migliorare continuamente mi ha sempre stimolato ad apportare cambiamenti, sintonizzando via via la mia esperienza ai miei valori e al sistema aziendale di cui faccio parte. Ritengo che il giusto mix tra stimoli e fattori esterni, uniti all’auto motivazione, stia alla base di un’efficace formazione continua e sia elemento essenziale per la vita quotidiana di un professionista.