Attualità

Lo scorso 17 ottobre, presso la sede milanese dell’UNI, Ente Italiano di Normazione, ha avuto luogo la presentazione ufficiale del nuovo CWA 17327:2018 (Cen Workshop Agreement) intitolato “Hotel General Manager – Knowledge, skills and competence requirements”. Il documento, a cura di EHMA Italia (Comitato Innovazioni) ed elaborato da UNI, rappresenta una tappa importante di un percorso cominciato nel 2017 dal Comitato per i Rapporti con le Istituzioni del capitolo italiano di EHMA con l’obiettivo di ottenere la certificazione della professione di direttore d’albergo a livello europeo. Il testo codifica conoscenze, capacità e competenze indispensabili per un Hotel Manager, che deve essere in grado di affrontare a 360 gradi tutti gli aspetti che attengono la vita alberghiera, e individua sei macro-aree di attività per ognuna delle quali definisce le varie mansioni. Nella parte finale inoltre definisce i requisiti di accesso all’esame, previa analisi del cv, e la procedura di certificazione. Superato l’esame, la certificazione ottenuta ha validità a livello internazionale grazie a Intertek, uno dei più grandi organismi di certificazione al mondo, e all’ente italiano di accreditamento Accredia.

Gli interventi

Ad aprire la conferenza stampa è stato Ruggero Lensi, Direttore Generale UNI, che ha fatto una panoramica del progetto. Ha poi preso la parola Ezio Indiani, GM dell’Hotel Principe di Savoia di Milano, Delegato Nazionale Italia di EHMA e Chairman dei lavori europei relativi al progetto: «EHMA ha deciso di fare da apripista in un settore che ha bisogno di qualche punto fermo, in particolare sulla certificazione (…) Si tratta di

un’attestazione di professionalità fondamentale, rilasciata da un ente terzo, che rappresenta un vantaggio per tutti gli stakeholder, soprattutto per proprietari e investitori, che in questo modo possono fare affidamento su manager riconosciuti a livello internazionale». Dopo un intervento della Responsabile Divisione Innovazione UNI Elena Mocchio sulla normazione tecnica per il turismo, ha preso la parola Palmiro Noschese, Area Director Italy Meliá Hotels International e leader del progetto, che ha enunciato i requisiti di un hotel manager europeo secondo il CWA 17327, «una figura professionale di altissimo livello il cui profilo rientra tra le professioni non organizzate in albi e non regolamentate, nonostante siano davvero molteplici le competenze che il ruol

o richiede». «La nostra intenzione è quella non tanto di attestare la competenza di chi intenda accedere al ruolo, quanto di valorizzare le capacità dei professionisti già consolidati» ha concluso Franco Fontana, Person Certification Manager di Intertek.